Versione italiana English

Disdetta anticipata dell’immobile per una finalità non più realizzata: la prova è del locatore

Con la sentenza n. 23794/2014, la terza sezione della Corte di Cassazione ha ribadito il principio secondo il quale le sanzioni di ripristino della locazione o di risarcimento del danno a carico del locatore che abbia ottenuto la disponibilità anticipata dell’immobile per una finalità non più realizzata, hanno fondamento contrattuale. Spetta dunque al locatore l’onere di provare di aver adempiuto all’obbligo corrispondente o di non aver potuto adempiere per cause ostative a lui non imputabili.

Cassazione civile, Sez. III, 07/11/2014, n. 23794

Powered by sitiegrafica.com